Passa ai contenuti principali

Teatro delle marionette vietnamite al Festival dell'Oriente


A me il teatro piace molto. Mi piace l'odore della sala, mi piace l'atmosfera, mi piacciono le luci. Rimango, da sempre, da quando i miei genitori mi portavano a vedere il teatro delle marionette, affascinata dai meccanismi che che sono dietro a una rappresentazione teatrale e che sono spesso nascosti.
Con questa premessa, al Festival dell'Oriente, non potevo che segnarmi l'orario dell'inizio dello spettacolo delle marionette vietnamite per poter essere pronta, in prima fila.

Quella del teatro delle marionette sull'acqua è un'antica arte che fino a mezzo secolo fa era praticamente sconosciuta fuori dal Vietnam del nord.
Una tradizione millenaria che fu inventata dai contadini che lavoravano nelle risaie nei pressi del delta del Fiume Rosso.
Le prime rappresentazioni si svolgevano negli specchi d'acqua dei villaggi, utilizzati dagli abitanti del posto perché alternativa messa a disposizione dalla natura a un palcoscenico più tradizionale.
I vietnamiti hanno un rapporto particolare con l'acqua e può darsi che, soprattutto nelle campagne, fossero più i giorni che rimanevano sommersi per la troppa pioggia che altri.

Le marionette sono fatte di legno e poi laccate e sono sostenute, sotto l'acqua, da una grande asta di bambù che i burattinai manovrano rimanendo nascosti dietro un paravento di bambù.
L'acqua che fa da palcoscenico viene resa appositamente torbida per non far vedere il sistema di meccanismi che sta sotto e sembra davvero che le marionette camminino sull'acqua.


L'intero spettacolo è accompagnato da musica e voce dal vivo.
Essendo il Vietnam un luogo ricco sdi leggende, le scene di vita quotidiana sono spesso affiancate dall'apparizione di draghi e creature fantastiche.
Naturalmente noi non potevamo mancare alla rappresentazione del teatro vietnamita al Festival dell'Oriente.
Siamo appositamente arrivati prima per gustarci appieno lo spettacolo.
A me sarebbe piaciuto anche capire un poco della storia, ma ahimè questo non è stato possibile.
A parte questo lo spettacolo è stato molto suggestivo. Io mi sono anche lanciata nella preparazione di un video per farvi vedere le parti più salienti della rappresentazione...


Commenti

  1. Ma che robaaaaaa!
    È proprio vero che il mondo è pieno di scoperte assolutamente inaspettate!
    A volte dietro casa.
    Mi piace lo stile che ha preso il nuovo blog.... Creatività a 360 gradi!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  2. Una figata pazzesca! Grazie Federica 😉

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

KLAW. Estote Parati.

Oggi vi voglio raccontare di un giovane cantante e della sua musica.
Klaw (Alberto Amenta), ventiduenne catanese, ha pubblicato il 3 maggio il suo terzo album  "Estote Parati". L'uscita dell'album è stata anticipata dal singolo “Evviva l’Italia”, un brano di denuncia sull'attualità italiana.


E sta già lavorando per le riprese del brano "902.
Estote Parati è un concept album, strutturato, attraverso le canzoni che lo compongono, come un percorso ben preciso, con il profondo bisogno di far uscire fuori le emozioni per inciderle per sempre. La musica è immortale, è per sempre e questa è la sua forza e la sua magia. Per Klaw fare musica vuol dire "vedi che esisto o comunque sono esistito anche io, e sono/ero questo qui, per lasciare una impronta".
E io il disco (sono della generazione dei vinili, passatemi il termine!) l'ho ascoltato, più volte e devo dire che mi ha colpito.
Nel disco, dopo i primi due brani di "apertura", è presente una …

Carta e Oltre. Oltre i confini della materia

Anche questo, come per Monica Dal Molin, è un incontro avvenuto nei padiglioni della Fiera di Roma, ad Abilmente Primavera.

Da lontano lo spazio espositivo sembrava animato da oggetti di vimini intrecciati. Poi mano a mano che mi avvicinavo la realtà diventava sempre più evidente: la tecnica era sì quella dell'intreccio, ma ad essere intrecciati non erano giunchi di legno, ma cannucce di carta.


Ad accogliermi una delle due padrone di casa, Teresa Marino, che insieme alla sua amica Carla Ottanelli è la fondatrice dell'Associazione Carta e Oltre.
Nel loro laboratorio organizzano corsi di intreccio e producono meraviglie.


La carta è un materiale antico, il più delle volte fragile, quasi inconsistente. Eppure la carta, se sapientemente lavorata, si trasforma, cambia destinazione d'uso, non è più contenitore di parole, ma diventa oggetto che contiene altri oggetti. Diventa forte e resistente.

A Teresa Marino ho chiesto di spiegare come avviene la magia di questa trasformazione…