Passa ai contenuti principali

La pittura Sumi-e


Acqua, inchiostro, respiro.
Cosa nasce dalla unione di queste tre parole?
La pittura Sumi-e, che è stata una delle piacevoli scoperte che ho fatto al Festival dell'Oriente.
Questa tecnica nacque in Cina durante la dinastia Tang (618-907) e fu introdotta in Giappone alla metà del XIV secolo grazie ad alcuni monaci buddisti Zen.

Un tocco, un segno per ogni respiro. Vietato correggere, vietato ripassare i contorni. E' un tipo di pittura basata sull'abbandonarsi al gesto pittorico, è una pittura che coinvolge tutto il corpo.
Non c'è una tecnica codificata, tutto nasce dalla spontaneità del gesto, dal fare proprio, dal sentire, dal percepire l'oggetto che si vuole dipingere.


Così, pur essendo il sumi-e una tecnica pittorica di grande effetto e alla portata di tutti, è anche una potente tecnica di meditazione che richiede concentrazione e pratica per poter imparare a cogliere l'essenza della natura e dipingerla attraverso il movimento del corpo.
Il sumi-e predilige la raffigurazione dei Quattro Nobili (detti anche i Quattro Amici, 四君子S, sì jūnzǐP), che comprendono quattro specie di piante, rappresentanti ognuna una stagione: le orchidee (蘭T, lánP); l'ume (梅T, méiP), cioè il pruno asiatico; i crisantemi (菊T, júP); il bambù.


Queste piante rappresentano inoltre le virtù del junzi (君子) confuciano, cioè l'uomo ideale.
Noi abbiamo avuto la possibilità, al Festiva dell'Oriente, di poter provare e sperimentare questa tecnica grazie a Beppe Mokuza, Monaco Zen appartenente alla tradizione del Buddismo Zen Soto e fondatore responsabile del Dojozen "Bodai Dojo" di Alba (CN).
A impugnare il pennello non sono stata io, ma mio figlio che ha con la pittura molta più dimestichezza di me.
Io mi sono limitata ad ammirare il lavoro in tandem suo e del Maestro che lo ha aiutato e  a documentare l'evento.


Il bambù è simbolo di amicizia perenne e longevità e rappresenta la flessibilità radicata nella forza.
Verde in tutte le stagioni, non si spezza sotto gli uragani. Questo indica una qualità umana di grande duttilità che rende l’uomo forte proprio perché di fronte agli eventi della vita non si oppone al cambiamento ma fluisce con esso e vi si adatta.7
E il dipinto ora fa bella mostra sé in cameretta.
Io vi aspetto la prossima settimana per una nuova scoperta sempre dal Festival dell'Oriente.

Commenti

  1. Ma che bella scoperta!
    Molto interessante, sai?
    Se provassi io, vista la mia nota incapacità di disegnare, verrebbe fuori che ho una personalità assolutamente disturbata 😂😂😂😂

    RispondiElimina
  2. Io ho lasciato fare all'Ometto che è decisamente più portato di me!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

KLAW. Estote Parati.

Oggi vi voglio raccontare di un giovane cantante e della sua musica.
Klaw (Alberto Amenta), ventiduenne catanese, ha pubblicato il 3 maggio il suo terzo album  "Estote Parati". L'uscita dell'album è stata anticipata dal singolo “Evviva l’Italia”, un brano di denuncia sull'attualità italiana.


E sta già lavorando per le riprese del brano "902.
Estote Parati è un concept album, strutturato, attraverso le canzoni che lo compongono, come un percorso ben preciso, con il profondo bisogno di far uscire fuori le emozioni per inciderle per sempre. La musica è immortale, è per sempre e questa è la sua forza e la sua magia. Per Klaw fare musica vuol dire "vedi che esisto o comunque sono esistito anche io, e sono/ero questo qui, per lasciare una impronta".
E io il disco (sono della generazione dei vinili, passatemi il termine!) l'ho ascoltato, più volte e devo dire che mi ha colpito.
Nel disco, dopo i primi due brani di "apertura", è presente una …

Carta e Oltre. Oltre i confini della materia

Anche questo, come per Monica Dal Molin, è un incontro avvenuto nei padiglioni della Fiera di Roma, ad Abilmente Primavera.

Da lontano lo spazio espositivo sembrava animato da oggetti di vimini intrecciati. Poi mano a mano che mi avvicinavo la realtà diventava sempre più evidente: la tecnica era sì quella dell'intreccio, ma ad essere intrecciati non erano giunchi di legno, ma cannucce di carta.


Ad accogliermi una delle due padrone di casa, Teresa Marino, che insieme alla sua amica Carla Ottanelli è la fondatrice dell'Associazione Carta e Oltre.
Nel loro laboratorio organizzano corsi di intreccio e producono meraviglie.


La carta è un materiale antico, il più delle volte fragile, quasi inconsistente. Eppure la carta, se sapientemente lavorata, si trasforma, cambia destinazione d'uso, non è più contenitore di parole, ma diventa oggetto che contiene altri oggetti. Diventa forte e resistente.

A Teresa Marino ho chiesto di spiegare come avviene la magia di questa trasformazione…