Passa ai contenuti principali

Notre-Dame de Paris. Fuoco che arde e che distrugge


1163, Parigi.
In pieno Medioevo vengono posate le prime pietre per la realizzazione di una immensa chiesa.
Lo stile è quello che nel nord della Francia sta prendendo piede in quel periodo: il gotico.
Tutto è proiettato verso il cielo, verso Dio.
Le colonne si slanciano, gli archi si allungano.
Dai pilastri si dipana un insieme di contrafforti che alleggeriscono le murature di riempimento, che rendono possibile l'ingresso della luce in un maggior numero di aperture ornate, poi, con vetrate artistiche che raccontano storie.


Sorge così Notre-Dame de Paris.
Una storia complicata quella che si dipana intorno a queste mura.
Tanta storia le è passata davanti, tanti secoli, tante conquiste, tante perdite, tante guerre.
I Gargoyle l'hanno sempre difesa bene, non c'è dubbio.


Notre Dame è stata non solo negli anni la culla della cristianità francese, ma anche fonte di ispirazione, forza creatrice.
Victor Hugo, Matisse, Jacques Louis David, Stein solo per citare alcuni artisti che hanno esaltato Notre Dame nelle loro opere.

Facciamo un viaggio nel tempo lungo, lunghissimo. Fissiamo, purtroppo, un'altra data che rimarrà sempre, inesorabilmente legata alla Cattedrale di Parigi e al mondo intero.

15 Aprile 2019


Brucia Notre Dame de Paris, brucia un pezzo di storia, brucia uno dei simboli di Parigi e della Francia.
E' difficile staccarsi dalle immagini che passano in televisione, sui social.
Brucia tutto. Brucia il tetto, crolla la guglia, crolla il tetto. Il fuoco sembra indomabile.
Si vede l'esterno ma non oso pensare cosa stia succedendo dentro.
Quasi un millennio di forza creativa dissolto con la forza del vento e delle fiamme.
Non pensavo che oggi, al mio risveglio, avrei visto ancora immagini di una Chiesa ancora in piedi, ferita, sì, ma non completamente distrutta. Eppure, per fortuna, così è stato.
Ora la spinta creativa porta a ricostruire, a ridare una Cattedrale a Parigi.
Non sarà mai come quella che è bruciata, ma avrà nella nuova impronta il ricordo di quelle alte fiamme che l'hanno avvolta.


Commenti

  1. Secondo me riescono a ricostruire in fretta e anche piuttosto bene!
    Però, certo, un colpo al cuore per tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa, a questo punto, di sapere come la ricostruiranno.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

KLAW. Estote Parati.

Oggi vi voglio raccontare di un giovane cantante e della sua musica.
Klaw (Alberto Amenta), ventiduenne catanese, ha pubblicato il 3 maggio il suo terzo album  "Estote Parati". L'uscita dell'album è stata anticipata dal singolo “Evviva l’Italia”, un brano di denuncia sull'attualità italiana.


E sta già lavorando per le riprese del brano "902.
Estote Parati è un concept album, strutturato, attraverso le canzoni che lo compongono, come un percorso ben preciso, con il profondo bisogno di far uscire fuori le emozioni per inciderle per sempre. La musica è immortale, è per sempre e questa è la sua forza e la sua magia. Per Klaw fare musica vuol dire "vedi che esisto o comunque sono esistito anche io, e sono/ero questo qui, per lasciare una impronta".
E io il disco (sono della generazione dei vinili, passatemi il termine!) l'ho ascoltato, più volte e devo dire che mi ha colpito.
Nel disco, dopo i primi due brani di "apertura", è presente una …

Carta e Oltre. Oltre i confini della materia

Anche questo, come per Monica Dal Molin, è un incontro avvenuto nei padiglioni della Fiera di Roma, ad Abilmente Primavera.

Da lontano lo spazio espositivo sembrava animato da oggetti di vimini intrecciati. Poi mano a mano che mi avvicinavo la realtà diventava sempre più evidente: la tecnica era sì quella dell'intreccio, ma ad essere intrecciati non erano giunchi di legno, ma cannucce di carta.


Ad accogliermi una delle due padrone di casa, Teresa Marino, che insieme alla sua amica Carla Ottanelli è la fondatrice dell'Associazione Carta e Oltre.
Nel loro laboratorio organizzano corsi di intreccio e producono meraviglie.


La carta è un materiale antico, il più delle volte fragile, quasi inconsistente. Eppure la carta, se sapientemente lavorata, si trasforma, cambia destinazione d'uso, non è più contenitore di parole, ma diventa oggetto che contiene altri oggetti. Diventa forte e resistente.

A Teresa Marino ho chiesto di spiegare come avviene la magia di questa trasformazione…