Passa ai contenuti principali

In giro per Roma: la bottega de Gli Stolti


In una calda e assolata mattina di luglio sono andata in giro per Roma nel Rione Regola, tra le rovine di Largo di Torre Argentina e l'Isola Tiberina.
Lì, in via Santa Maria de' Calderari, c'è la bottega artigiana di Simona e Andrea e io non ho potuto fare a meno di fermarmi a fare due chiacchiere con loro.


Quella de Gli Stolti è una bottega piccolissima che emana un buonissimo odore di pelle, di cuoio e di creatività. Loro sono stati disponibilissimi e ne è nata una piacevolissima conversazione.


Come e quando avete deciso di lavorare insieme?
Noi siamo una coppia sia nel lavoro che nella vita e abbiamo cominciato a essere coppia prima nella vita. Io (Andrea n.d.r) ho imparato a cucire le borse da un maestro artigiano e ho cominciato per passione, Simona, invece, ha sempre avuto la passione per le tecniche di decorazione creativa tipo il découpage. A livello hobbistico portavamo avanti le nostre passioni separatamente, poi è successo che io sono rimasto senza lavoro e ho cominciato ad approfondire maggiormente le tecniche artigianali e insieme abbiamo pensato di usare le nostre abilità e di provare a  immetterci nel mondo della moda.

Avete cominciato la vostra attività partecipando a mercati dell'artigianato. Cosa vi ha spinto a fare il grande passo e ad aprire una bottega artigiana?
Abbiamo lavorato esponendo per qualche anno nei mercatini artigianali, ma non siamo mai rimasti completamente soddisfatti.


Ci siamo resi conto che finché non apri il negozio non stai "giocando" veramente. Per quanto possa essere piccola la bottega, avere quattro mura da poter personalizzare, dove poter progettare e realizzare le nostre opere e dove poter accogliere i clienti è stato per noi fondamentale.
Come mai avete scelto Gli Stolti come nome per il vostro brand?

Ogni volta che ci chiedono questa cosa potremmo rispondere in modo diverso.
L'idea era quella di trovare un marchio breve ed efficace. Un nome che non fosse "Simona e Andrea", ma che dovesse essere trasversale e che potesse andare bene per tutte le nostre creazioni, dagli orecchini, ai cappelli, alle borse. Il nome del nostro brand doveva essere stravagante e controcorrente.

Dopo vari tentativi abbiamo scelto Gli Stolti e questo fondamentalmente per due motivi.
Prima di tutto perché nel 2012, al culmine della crisi economica, stoltamente decidiamo di aprire una attività commerciale.
Il secondo motivo è perché noi andiamo contro tutte le regole del mercato.


Non produciamo cose che vanno di moda, non assecondiamo la moda che si vede in televisione, non realizziamo prodotti di tendenza. Sviluppiamo le nostre idee e puntiamo alla realizzazione del "pezzo unico". Noi vogliamo che chi compra una cosa da noi lo faccia con la consapevolezza che non la potrà acquistare uguale in nessun altro posto. Noi facciamo un lavoro di qualità nella ricerca dei materiali e mantenendo un tocco di originalità che tutti dovrebbero avere.ù

Gli Stolti hanno molte facce e molte passioni. Quale tecnica prediligete e quale materiale vi dà più soddisfazione?
In bottega abbiamo i compiti divisi. Io (Andrea n.d.r.) mi occupo delle borse e la tecnica che prediligo è la cucitura a mano che rappresenta un elemento di qualità. La cucitura a macchina, essendo mirata a velocizzare il processo di lavorazione, ti fa tendere a fare un prodotto veloce. La cucitura a mano, invece, è un processo lento e tende alla perfezione e alla qualità.
Simona, invece, si occupa dei gioielli e per lei le tecniche predilette sono il découpage e la lavorazione con la foglia d'oro. Con queste tecniche di lavorazione i tempi per la realizzazione degli oggetti sono lunghi e le difficoltà maggiori sono nella scelta dei soggetti e nella progettazione del lavoro.

Insieme alla bottega portate avanti, sul vostro sito, la rubrica L'Arte degli Stolti ce ne volete parlare?
Noi siamo anche appassionati d'arte e nei nostri lavori ci ispiriamo spesso ad essa sia in maniera diretta che in maniera indiretta con l'elaborazione di forme.
L'Arte degli Stolti rappresenta la nostra volontà di voler mettere in vista, nel nostro piccolo, degli artisti che ci piacciono e che, secondo noi, sono bravi e innovativi. Con la nostra rubrica diamo loro la possibilità di essere conosciuti. Facciamo vedere le loro opere e soprattutto invitiamo a comprarle. L'arte e il bello migliorano l'uomo.

AGGIORNAMENTO
A luglio 2017 Simona e Andrea hanno definitivamente chiuso la loro attività

Commenti

Post popolari in questo blog

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

KLAW. Estote Parati.

Oggi vi voglio raccontare di un giovane cantante e della sua musica.
Klaw (Alberto Amenta), ventiduenne catanese, ha pubblicato il 3 maggio il suo terzo album  "Estote Parati". L'uscita dell'album è stata anticipata dal singolo “Evviva l’Italia”, un brano di denuncia sull'attualità italiana.


E sta già lavorando per le riprese del brano "902.
Estote Parati è un concept album, strutturato, attraverso le canzoni che lo compongono, come un percorso ben preciso, con il profondo bisogno di far uscire fuori le emozioni per inciderle per sempre. La musica è immortale, è per sempre e questa è la sua forza e la sua magia. Per Klaw fare musica vuol dire "vedi che esisto o comunque sono esistito anche io, e sono/ero questo qui, per lasciare una impronta".
E io il disco (sono della generazione dei vinili, passatemi il termine!) l'ho ascoltato, più volte e devo dire che mi ha colpito.
Nel disco, dopo i primi due brani di "apertura", è presente una …

Carta e Oltre. Oltre i confini della materia

Anche questo, come per Monica Dal Molin, è un incontro avvenuto nei padiglioni della Fiera di Roma, ad Abilmente Primavera.

Da lontano lo spazio espositivo sembrava animato da oggetti di vimini intrecciati. Poi mano a mano che mi avvicinavo la realtà diventava sempre più evidente: la tecnica era sì quella dell'intreccio, ma ad essere intrecciati non erano giunchi di legno, ma cannucce di carta.


Ad accogliermi una delle due padrone di casa, Teresa Marino, che insieme alla sua amica Carla Ottanelli è la fondatrice dell'Associazione Carta e Oltre.
Nel loro laboratorio organizzano corsi di intreccio e producono meraviglie.


La carta è un materiale antico, il più delle volte fragile, quasi inconsistente. Eppure la carta, se sapientemente lavorata, si trasforma, cambia destinazione d'uso, non è più contenitore di parole, ma diventa oggetto che contiene altri oggetti. Diventa forte e resistente.

A Teresa Marino ho chiesto di spiegare come avviene la magia di questa trasformazione…