Passa ai contenuti principali

La storia di Teddy l'Orsetto Urbano


Chi è Teddy?
Lui si definisce un "Orsetto Urbano che si nutre di rifiuti e caramelle". In realtà Teddy è un artigiano e artista del riciclo. La sua missione è trovare oggetti in disuso e trasformarli i gioielli.
Cosa nello specifico?
A Teddy piacciono le posate, specialmente quelle d'argento. Posate che tra le sue mani si trasformano in monili.
Le serrature che un tempo custodivano preziosi tesori, ora si trasformano in collane, bracciali e orecchini.




A Teddy ho fatto qualche domanda per conoscerlo meglio.

Creativi si nasce o si diventa? Cosa vorresti che i lettori conoscessero di te e della tua arte?
Penso che creativi si nasca. Devi avere una predisposizione per inventare, creare, vedere in un oggetto in "disuso" un'altra possibilità di nuova vita.
Col tempo e la pratica si può diventare bravi artigiani esecutori, ma le idee e la creatività non te le insegna nessuno ... o le hai o non le hai.
Mi piacerebbe che i lettori capissero, in quello che faccio, che ogni oggetto ha un'anima e se non serve più per una cosa può servire per un'altra...


Tu sei un artigiano del riciclo. Cosa ti ha portato a vedere le posate con occhi diversi?
Non è un'idea mia, risale al XVII secolo. I servi nelle Colonie francesi rubavano al padrone un cucchiaino d'argento per trasformarlo in anello da regalare alla fidanzata. Mi piace l'idea di utilizzare oggetti che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. Le posate in argento, poi, sono destinate a morire dimenticate nei cassetti. Hanno una storia da raccontare ed è giusto che possano farlo ancora trasformate in gioielli.


Hai modelli a cui ti sei ispirato e perché?
Nessun modello in particolare, anche se tutti mi riconducono a Munari che ha fatto le "forchette parlanti", ma che non c'entrano niente con i gioielli.

Dove nascono i tuoi progetti?
I miei progetti nascono per strada, in laboratorio, a casa, al mare ... ovunque.
Fortunatamente il materiale che uso può essere recuperato e lavorato necessariamente senza grossi macchinari... quindi quando mi viene un'idea nuova la realizzo quasi all'istante.

Se tu potessi suggerire un'idea per valorizzare gli artigiani contemporanei cosa suggeriresti?
Più spazi espositivi, ci sono un sacco di edifici e negozi chiusi e sfitti. Sarebbe bello avere la possibilità di poterci lavorare ed esporre.
Mi piacerebbe anche che ci fossero circuiti di mercatini solo artigianali.

Post in collaborazione con Angela Ladiana.

Commenti

Post popolari in questo blog

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

KLAW. Estote Parati.

Oggi vi voglio raccontare di un giovane cantante e della sua musica.
Klaw (Alberto Amenta), ventiduenne catanese, ha pubblicato il 3 maggio il suo terzo album  "Estote Parati". L'uscita dell'album è stata anticipata dal singolo “Evviva l’Italia”, un brano di denuncia sull'attualità italiana.


E sta già lavorando per le riprese del brano "902.
Estote Parati è un concept album, strutturato, attraverso le canzoni che lo compongono, come un percorso ben preciso, con il profondo bisogno di far uscire fuori le emozioni per inciderle per sempre. La musica è immortale, è per sempre e questa è la sua forza e la sua magia. Per Klaw fare musica vuol dire "vedi che esisto o comunque sono esistito anche io, e sono/ero questo qui, per lasciare una impronta".
E io il disco (sono della generazione dei vinili, passatemi il termine!) l'ho ascoltato, più volte e devo dire che mi ha colpito.
Nel disco, dopo i primi due brani di "apertura", è presente una …

Carta e Oltre. Oltre i confini della materia

Anche questo, come per Monica Dal Molin, è un incontro avvenuto nei padiglioni della Fiera di Roma, ad Abilmente Primavera.

Da lontano lo spazio espositivo sembrava animato da oggetti di vimini intrecciati. Poi mano a mano che mi avvicinavo la realtà diventava sempre più evidente: la tecnica era sì quella dell'intreccio, ma ad essere intrecciati non erano giunchi di legno, ma cannucce di carta.


Ad accogliermi una delle due padrone di casa, Teresa Marino, che insieme alla sua amica Carla Ottanelli è la fondatrice dell'Associazione Carta e Oltre.
Nel loro laboratorio organizzano corsi di intreccio e producono meraviglie.


La carta è un materiale antico, il più delle volte fragile, quasi inconsistente. Eppure la carta, se sapientemente lavorata, si trasforma, cambia destinazione d'uso, non è più contenitore di parole, ma diventa oggetto che contiene altri oggetti. Diventa forte e resistente.

A Teresa Marino ho chiesto di spiegare come avviene la magia di questa trasformazione…