Passa ai contenuti principali

Abilmente Roma - edizione autunno 2015

La mia avventura alla ricerca della creatività comincia qui, dalla fiera della creatività più importante e conosciuta: Abilmente.
Non male, come battesimo del fuoco!
Vestiti comodi, scarpe comodissime, il medaglione magico a portarmi fortuna, una borsa capiente e via verso la fermata del treno. 

Perché ho preso il treno pur vivendo a Roma? 
Perché la Fiera di Roma è un po' decentrata e poi anche il viaggio in treno è stato piacevole. 
Un sacco di signore in missione fiera sono scese insieme a me alla stazione Fiera di Roma.
Biglietto fatto in un lampo, planimetria della mostra subito a disposizione.

Un lungo corridoio prima di arrivare ai padiglioni 7 e 8 e poi un mondo fatto di creatività, che si apre sotto i miei piedi. Da questo momento in poi il mio motto è stato: una cosa per volta si fa tutto!
Scendo le scale mobili e sono dentro. E anche se avevo letto, studiato e pianificato non so proprio dove mettere le mani e dove guardare. 
Vengo rapita praticamente da tutto! Dai colori, dai tessuti, dalle tecniche.
Per far passare l'emozione sono andata subito su un terreno noto, nella parte di fiera che mi ha fatto sentire più a mio agio, quella delle decorazioni natalizie.

Gli occhi hanno poi cominciato a scintillare negli stand dedicati ai ricami. Sono rimasta veramente di stucco, perché ho visto delle tele, che sembravano dipinte. Non pennelli, ma ago e filo, che avevano dato vita ad incredibili realizzazioni a punto croce.

La tela, sulla quale sono state ricamate queste meraviglie, ha una trama fittissima e le croci del ricamo sono piccolissime. Negli stand si vendevano anche kit con schemi, tela e fili. Secondo voi ho potuto resistere al richiamo? No, non ho saputo resistere e sono tornata a casa con uno di questi kit, che però non vi posso mostrare perché il lavoro finito sarà un regalo per una mia amica (e non vorrei che lo scoprisse in anticipo).
Sempre nell'area del ricamo sono andata a curiosare tra le opere della Scuola di Ricamo Alta Moda.

Il mio tour è continuato tra una miriade di sensazioni fino ad approdare ad un incantevole tavola apparecchiata.

Questa è solo la minima parte di ciò che ho visto. 
Ho voluto darvi un assaggio. Il mio bottino è stato molto più ricco.
Quattro ore ad Abilmente, chilometri macinati, mani strette, storie e progetti ascoltati. 
Troppo per scrivere tutto in un unico post.

Ho incontrato ad Abilmente
Punti di Vista
Paola Bellocchi
ArteA
Only Pet





Commenti

  1. Mamma miaaaaaaaaaaaaaaaa, sembra ieri!!!
    Mi ricordo tuttoooooooo!!!!
    Buona avventura!

    RispondiElimina
  2. Hai visto come passa il tempo!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

L'eredità delle Ombre. Incontro con Massimilianio Riccardi

L'incontro con questo libro non è stato casuale. Il sua autore, Massimiliano, oltre che essere uno scrittore, è anche un blogger che seguo e leggo con piacere da un bel po' di anni.
Così quando Massimiliano ha dato alle stampe il suo ultimo romanzo non ci ho pensato neanche un minuto, prima di ordinarlo, a contattarlo ...

<<Magari prima leggi il libro, non è detto che ti piaccia, è scritto diversamente dagli altri e il protagonista non è una bella persona>>
A questo punto il mio livello di curiosità è arrivato alle stelle. Ho ordinato il libro e ho aspettato, pazientemente, che il postino bussasse alla mia porta e che me lo consegnasse.

KLAW. Estote Parati.

Oggi vi voglio raccontare di un giovane cantante e della sua musica.
Klaw (Alberto Amenta), ventiduenne catanese, ha pubblicato il 3 maggio il suo terzo album  "Estote Parati". L'uscita dell'album è stata anticipata dal singolo “Evviva l’Italia”, un brano di denuncia sull'attualità italiana.


E sta già lavorando per le riprese del brano "902.
Estote Parati è un concept album, strutturato, attraverso le canzoni che lo compongono, come un percorso ben preciso, con il profondo bisogno di far uscire fuori le emozioni per inciderle per sempre. La musica è immortale, è per sempre e questa è la sua forza e la sua magia. Per Klaw fare musica vuol dire "vedi che esisto o comunque sono esistito anche io, e sono/ero questo qui, per lasciare una impronta".
E io il disco (sono della generazione dei vinili, passatemi il termine!) l'ho ascoltato, più volte e devo dire che mi ha colpito.
Nel disco, dopo i primi due brani di "apertura", è presente una …

Carta e Oltre. Oltre i confini della materia

Anche questo, come per Monica Dal Molin, è un incontro avvenuto nei padiglioni della Fiera di Roma, ad Abilmente Primavera.

Da lontano lo spazio espositivo sembrava animato da oggetti di vimini intrecciati. Poi mano a mano che mi avvicinavo la realtà diventava sempre più evidente: la tecnica era sì quella dell'intreccio, ma ad essere intrecciati non erano giunchi di legno, ma cannucce di carta.


Ad accogliermi una delle due padrone di casa, Teresa Marino, che insieme alla sua amica Carla Ottanelli è la fondatrice dell'Associazione Carta e Oltre.
Nel loro laboratorio organizzano corsi di intreccio e producono meraviglie.


La carta è un materiale antico, il più delle volte fragile, quasi inconsistente. Eppure la carta, se sapientemente lavorata, si trasforma, cambia destinazione d'uso, non è più contenitore di parole, ma diventa oggetto che contiene altri oggetti. Diventa forte e resistente.

A Teresa Marino ho chiesto di spiegare come avviene la magia di questa trasformazione…